notizie

Banksy or not Banksy? Mostra inedita ad Altopascio

In mostra opere originali del grande artista, ma anche la corrente dei suoi seguaci, di coloro che lo hanno copiato e che da lui si sono lasciati ispirare…

Banksy or not Banksy?
Ad Altopascio approda il progetto inedito che si presenta come una mostra-gioco, con una serie di opere realizzate da Banksy e Not Banksy.
A questi si aggiungono lavori di altri artisti che a più riprese hanno lavorato direttamente a fianco di Banksy, o che a lui si sono ispirati.

Fino a sabato 6 gennaio (inizialmente era fino al 20 ottobre, ma è stata prorogata) la Sala Peregrinatio di piazza Ospitalieri è la casa di arte, cultura, impegno, colore e riflessione, grazie a questa esposizione portata avanti da Cooperativa MARE insieme con l’amministrazione comunale e il sistema museale territoriale della provincia di Lucca e curata da Bruno Ialuna.
Il progetto è stato realizzato grazie anche al contributo di Auto Sì, Gesam Gas e Luce e Centro legno fai da te.

banksy

“Siamo particolarmente orgogliosi di poter inaugurare un’esposizione su Banksy – spiega Francesca Merz, presidente di Cooperativa MARE – Sono moltissime le mostre sull’artista, ma il punto di vista del curatore Bruno Ialuna dà a questa esposizione un tono del tutto nuovo, opere originali del grande artista ma anche la corrente dei suoi seguaci, di coloro che lo hanno copiato e che da lui si sono lasciati ispirare. Per l’occasione abbiamo anche voluto realizzare una serie di strumenti utili a renderla più inclusiva, in linea con i nostri princìpi. Per la prima volta sono state infatti riprodotte, su appositi supporti tattili, due opere di Banksy e del collettivo Not Banksy, per dare l’opportunità di utilizzare anche il tatto come codice di scoperta di alcune delle opere in mostra. Devo dire che è stata un’esperienza umana di grande bellezza, per la grande collaborazione che si è da subito instaurata con il Comune di Altopascio, che ha abbracciato il progetto con enorme entusiasmo e collaborazione”.

“Questa è una di quelle iniziative che non si vedono tutti i giorni, soprattutto ad Altopascio, dove una mostra di tale levatura non c’è mai stata – commenta il sindaco, Sara D’Ambrosio – Ringrazio chi ha voluto portare qui questo progetto e questo percorso espositivo, scegliendo il nostro paese quale tappa di una mostra inedita, molto ben fatta, che sono sicura richiamerà tante persone. Per noi è la conferma di un lavoro culturale, di promozione e anche di costruzione delle reti territoriali che abbiamo iniziato anni fa e che stiamo portando avanti, con l’obiettivo di rendere Altopascio un territorio sempre più attrattivo per cultura di qualità”.

“Le opere di un artista internazionale ad Altopascio per tutti – aggiunge  l’assessore alle politiche culturali, Alessio Minicozzi – Banksy ad Altopascio sembrava un sogno. E invece, non solo è realtà, ma ci siamo spinti oltre, con una esposizione che abbraccia altri artisti che ne hanno influenzato lo stile.
Piazza Ospitalieri è la piazza dell’arte, questa è la consacrazione definitiva”
.

cinzia donati chi sono giornalista e blogger con calma

La mostra

Sono 26 le opere esposte.
Manifesti, litografie, stencil e spray su cartone, francobolli e tante altre tecniche e materiali riempiono gli occhi di colori e riflessioni.

Banksy non ha bisogno di presentazioni: oggi è l’artista vivente più famoso del Pianeta, pur mantenendo il suo anonimato.

Not Banksy è invece un fenomeno ormai mondiale, come dimostra la recente “invasione” del Giappone, che ha sovvertito il mondo dell’arte contemporanea.
La storia di Not Bansky è iniziata nel 2007, creata per divertimento dalla storica Crew londinese STOT21stcPlanB.
Alla fine del 2008 sono state interrotte tutte le attività di Not Bansky.
Nel 2018 il progetto è stato ripreso come Not Not Bansky (che poi è stato ucciso) e si è evoluto nel Real Not Bansky Front (RNBF).
Nell’aprile 2020, quando i confini del mondo sono stati chiusi a causa del COVID-19, è nata la New Not Bansky e nel dicembre 2020 un misterioso pacchetto di litografie è apparso al Liberty Lifestyle Store di Miyazaki, in Giappone, con un opuscolo che spiegava educatamente tutto ciò che sappiamo essere vero di Not Bansky.
Le 500 copie della tiratura speciale sono state comprate nel giro di poche ore.
Oggi la stessa cosa accade per gli altri lavori che vengono realizzati, come dimostrano le recenti 1313 litografie dal titolo “THIS IS NOT A BANKSY series AToM 1313” pubblicate a Londra lo scorso anno e acquistate in una sola settimana!

Insieme alle loro opere, una sezione della rassegna è dedicata ad altri maestri della Street Art mondiale, che hanno lavorato insieme a Banksy e lo hanno ispirato: Blek Le Rat, Inkie, Jamie Hewlett, Stef Hoodacious e Obey.

Nella mostra sono presenti anche lavori di artisti che dichiaratamente hanno omaggiato Banksy, come Blub, Cartrain, Aleandro Roncarà, LDB e Pilloleinparole.
Una piccola rassegna dissacrante su quello che è diventato il mercato delle mostre d’arte preconfezionate.
Lo stesso Banksy le classifica come FAKE sul suo sito ufficiale. E ha preteso che queste rassegne mettano ben evidenziato sul materiale pubblicitario la dicitura: “NON AUTORIZZATA”.

Gli altri maestri della street art presenti in mostra

BLEK LE RAT (alias Xavier Prou) ha inventato lo stile dello stencil per strada, e da sempre è stato una specie di mito per Banksy, che più volte ha detto: “Ogni volta che faccio qualcosa di abbastanza originale mi rendo conto che anche Blek Le Rat lo ha fatto, e vent’anni prima di me”.

INKIE è uno dei più famosi writer della storia del Regno Unito. Ha iniziato a dipingere con Banksy, che lo considera un Maestro, a Bristol agli inizi degli anni Ottanta. Lavora oggi per grandi aziende, ma continua a partecipare a festival e mostre di Arte Urbana in tutto il mondo.

JAMIE HEWLETT genio del fumetto e grandissimo amico di Banksy, tanto che alcuni hanno sostenuto fossero la stessa persona. Di sicuro suo socio in molte iniziative artistiche. Insieme a Damon Albarn (voce del gruppo musicale Blur, le cui copertine dei dischi e dei CD sono disegnate da Banksy) ha inventato i Gorillaz. La band musicale virtuale che ha accompagnato Madonna nel suo ultimo tour mondiale, e si è pure esibita al Lucca Summer Festival nel 2018.

STEF HOODACIOUS è un personaggio misterioso della storia della street art mondiale. Grande fama nel primo decennio degli anni Duemila, poi sparito nel nulla. Ispiratore del “Banksy Location & tours” il giro turistico londinese alla ricerca dei lavori nascosti di Banksy.

OBEY (SHEPARD FAREY) l’artista più famoso del movimento dopo Banksy, del quale è grande amico e col quale collabora a vari eventi, come nel film “Exit Through the Gift Shop”. Ha iniziato nel 1989 disseminando la sua città di stickers (adesivi) del celebre campione di wrestling André The Giant. Distribuiti alle comunità degli skaters questi adesivi sono apparsi in tutti gli USA, generando poi un fenomeno di imitazione oggi diffusissimo in tutto il mondo. Ha raggiunto fama planetaria nel 2008 con il manifesto “Hope” dedicato a Barack Obama. Altre sue opere famose sono quelle in cui ritrae personaggi della storia, dell’attualità, dello spettacolo e campioni del basket americano. Ha pure ideato una linea di abbigliamento che va per la maggiore fra i giovani di tutti i continenti.

mostra banksy or not banksy altopascio

Cosa è la Cooperativa Mare

La Cooperativa MARE nasce dall’incontro tra diverse competenze: quella di progettista museale di Francesca Merz, quella di divulgatore didattico di Lorenzo Giudici, quella di esperta dell’apprendimento di Aurelia Nicolosi.
Un’attenta analisi del contesto nazionale e, soprattutto, il monitoraggio di quello regionale ha indotto tale gruppo di professionisti del settore alla costituzione di una cooperativa denominata MARE, Laboratorio di innovazione sociale, con doppia sede a Firenze e a Catania, per la costruzione di progetti di inclusione e per favorire l’accesso alla cultura da parte di una quanto più ampia platea di fruitori, non solo rivolgendo attenzione ai cittadini con disabilità motorie e sensoriali ma anche a bambini, anziani, adolescenti, fasce di popolazione per le quali il patrimonio culturale risulta solitamente difficile da conoscere.
La Cooperativa MARE struttura i suoi progetti sempre in collaborazione diretta con i portatori di interesse, per questo i percorsi non solo vedono la co-progettazione di consulenti con disabilità, interni alla cooperativa, ma anche la costante supervisione, nel corso della progettazione stessa, di enti del territorio.
Nel 2023 la cooperativa ha esteso la sua attività anche all’organizzazione delle mostre, con la sua prima esposizione intitolata “Banksy or not Banksy?”, dedicata al celebre street artist, allestita dal 20 luglio ad Altopascio.
Tra i vari progetti realizzati, o in corso di realizzazione, si ricordano quelli al Giardino delle Rose e al Parco delle Cascine, a Firenze, la collaborazione del progetto Firenze Forma Continua e i percorsi tattili e kit digitali per conoscere il patrimonio architettonico e storico artistico dei comuni di Enna, Aidone e Piazza Armerina, in Sicilia.

Banksy or not Banksy?
20 luglio 2023 – 6 gennaio 2024
Altopascio, Sala Peregrinatio, piazza Ospitalieri
Orari: venerdì-sabato-domenica dalle ore 17 alle 20

call to action no fake usare i social

*La mia priorità è scrivere la Verità*
Per farlo ho bisogno anche del tuo aiuto!

Come puoi vedere, qui non ci sono box pubblicitari e non ti compaiono finestre indesiderate all’improvviso che ti vogliono vendere robe.
Per stare lontana da questa autentica spazzatura, adotto altre tecniche più moderne e soprattutto molto meno invasive.
*Cosa puoi fare per me?*
• condividere questo articolo sui tuoi canali social
• inoltrare il link ai tuoi contatti whatsapp
• lasciare un commento in fondo all’articolo stesso.
Grazie per quello che farai!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi