notizie

Cristiano Turri: architetto e pittore

Ho ricevuto, tempo fa, una e-mail da Cristiano Turri, che mi chiedeva informazioni sulla “tortura personalizzata”.

Così scriveva Cristiano in quella e-mail:
“L’arte, il disegno, la fantasia per me sono stati e sono tutt’ora il mio mondo, quello dove vivo più frequentemente e dove sto bene.
Mi piacerebbe riuscire a farmi notare, a dare visibilità alle mie “opere” ma soprattutto a far capire l’importanza e la ricchezza di ciò che ognuno ha dentro… A me quella “cosa” lì mi ha salvato”.

Spoiler: se vuoi farlo anche tu, guarda su questa pagina che cosa è la “tortura personalizzata” e, come ha fatto Cristiano, scrivimi!

Quella che trovi qui sotto è una piccola parte estratta dall’intervista integrale realizzata per lastanzadelletorture.com

cristiano turri pittore 6 ok
cinzia donati chi sono giornalista e blogger con calma

Estratto dell’intervista

Che lavoro fai?
Architetto – designer di interni a Lucca.

Come siamo arrivati fino qui?
Cercavo su Google un curatore d’arte che mi potesse aiutare a organizzare una mostra e ne ho trovato uno che tu hai torturato! Così ho pensato che mi sarebbe piaciuto usare questo spazio per farmi conoscere.

cristiano turri pittore 10 ok

La passione per l’arte come l’hai portata avanti?
Per me l’arte è una terapia. Faccio fatica a vivere il quotidiano e con la pittura riesco a esprimere quello che ho dentro. La vivo anche come evasione.

“Terapia” in che senso?
Sono affetto da una malattia genetica rara che fin da piccolo mi ha costretto a passare tanto tempo in casa. Adesso la stessa malattia la vivo come un’opportunità che mi ha portato fino qui, in modo propositivo con tanti progetti da realizzare!

cristiano turri pittore 13 ok

Se tu dovessi descrivere l’ultima opera che hai fatto, che parole useresti?
Mi sono immaginato di essere una rana su una ninfea. A ogni opera abbino un titolo, che aggiunge qualcosa e aiuta a capire quello che voglio esprimere. Per esempio la rana sulla ninfea si chiama “Forse abito in un fosso”.

Raccontaci il tuo processo creativo
Spesso dipingo la notte e il fine settimana. A casa, su una scrivania, in una stanza dedicata a studio. Ho scelto la casa dove vivo proprio perché ha questa stanza da adibire a studio!

Quanto tempo passa tra la scelta dell’idea al lavoro finito?
Circa venti giorni, un mese.

cristiano turri pittore 11 ok

Quella volta che hai avuto quell’idea geniale?
Un’opera pittorica da sistemare in casa che coniuga arte, utilità e messaggio che voglio dare.

Progetti futuri?
Trovare un curatore di arte che mi aiuti a organizzare una mostra ed essere più visibile.

cristiano turri pittore 5 ok

Come ti promuovi?
“Sto iniziando adesso con questa tortura!”

Dove possiamo trovare Cristiano Turri

Instagram criturriarte https://www.instagram.com/criturriarte/

Clicca qui:
L’intervista – o meglio “la tortura” – a Cristiano Turri in versione integrale è su lastanzadelletorture.com
Cristiano racconta il suo processo creativo, risponde al Questionario Proustiano, ci dice come nascono i suoi quadri e come li progetta…

cristiano turri pittore 3 ok
Cristiano Turri durante l’intervista per lastanzadelletorture.com
call to action no fake usare i social

*La mia priorità è scrivere la Verità*
Per farlo ho bisogno anche del tuo aiuto!

Come puoi vedere, qui non ci sono box pubblicitari e non ti compaiono finestre indesiderate all’improvviso che ti vogliono vendere robe.
Per stare lontana da questa autentica spazzatura, adotto altre tecniche più moderne e soprattutto molto meno invasive.
*Cosa puoi fare per me?*
• condividere questo articolo sui tuoi canali social
• inoltrare il link ai tuoi contatti whatsapp
• lasciare un commento in fondo all’articolo stesso.
Grazie per quello che farai!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *