notizie

Festival della Strada a Pisa: street artist meravigliosi e dove trovarli!

Palazzo Blu accoglie Kobra con le Avanguardie e il Bauhaus in chiave street
Nella Chiesa della Spina l’installazione di Gonzalo Borondo

Palazzo Blu: fino al 14 gennaio 2024 la Sala della Biblioteca ospita una contemporanea Scuola di Atene, creata da uno dei maggiori street artist al mondo, mentre la Dimora Nobiliare apre le porte all’arte applicata con le opere di 108, Moneyless, Etnik, Zed1, Aris, Gio Pistone, Massimo Sospetto

In parallelo:
la Chiesa della Spina diventa teatro per l’installazione Non Plus Ultra di Gonzalo Borondo e
il quartiere Porta a Mare vede nascere nuovi murales, confermando la vocazione di museo a cielo aperto

pisa festival della strada kobra lavori in corso
Kobra: lavori in corso, con il bozzetto di Galileo

Pisa torna a essere capitale dell’arte urbana con il Festival della Strada iniziato il 27 ottobre e che prosegue fino al 14 gennaio 2024.
Ideato da Gian Guido Grassi con l’associazione Start Attitude e promosso da Fondazione Palazzo Blu e Fondazione Pisa, il Festival si articola attorno a più mostre, installazioni diffuse, talk, workshop e la realizzazione di nuovi murales, con il contributo del Consiglio della Regione Toscana e del Comune di Pisa.

In dialogo con la mostra “Le Avanguardie”, in corso fino al 7 aprile 2024, Palazzo Blu ospita due mostre nell’ambito del Festival della Strada: il brasiliano Eduardo Kobra, uno degli street artist più noti al mondo (suo il David di Michelangelo dipinto in cima alle cave di Carrara), crea nella Sala della Biblioteca una contemporanea Scuola di Atene, attingendo dai ritratti degli Avanguardisti; 108, Moneyless, Etnik, Zed1, Aris, Gio Pistone, Massimo Sospetto rileggono lo stile Bauhaus attraverso una collettiva di arte applicata, nella Dimora Nobiliare del Palazzo.

pisa festival della strada kobra palazzo blu
Una parte dell’opera di Kobra dentro Palazzo Blu
pisa festival della strada moneyless dimora nobiliare palazzo blu
Palazzo Blu, Dimora Nobiliare, un’opera di Moneyless
cinzia donati chi sono giornalista e blogger con calma

Kobra, il gigante dei murales

Nato a San Paolo nel 1976, Eduardo Kobra è un gigante dei murales e l’alfiere della neoavanguardia paulista: combinazioni di tecniche diverse come la pittura coi pennelli, l’aerografo e gli spray, rendono le sue opere maestose e fuori da ogni schema.
Il suo talento emerge tra i dedali della città alla fine degli anni ’80: da allora Kobra ha creato murales in ogni continente, compreso il più grande al mondo – oltre 3000 mq di superficie – realizzato per le Olimpiadi di Rio de Janeiro.
Il clima vagamente nostalgico delle sue opere, unito al suo distintivo arcobaleno cromatico, crea un cortocircuito visivo che trascina lo spettatore in una narrazione romantica e divertente.
Topic dei suoi lavori sono le tematiche sociali – come l’inquinamento, il riscaldamento globale, la deforestazione e la guerra – ma anche ritratti di personaggi illustri e scene di tempi ormai trascorsi per far rivivere il ricordo di molte metropoli del passato, creando un legame indissolubile tra il presente incontrastato e la memoria storica.
È il caso dell’installazione site specific pensata per Palazzo Blu.

“Ho realizzato otto pannelli che rileggono le opere dei geni ritratti in questo grande muralesspiega Eduardo Kobrail pannello più grande è dipinto su un supporto di materiale vinilico, mentre le altre sono pitture su tela. Il mio lavoro principale è fare murales, ne ho realizzati in 36 paesi e questo sarà il quinto che faccio in Italia”.

pisa festival della strada kobra foto di antonio tartarini
Kobra e il profilo del suo Galileo (Foto di Antonio Tartarini)

“Il mio lavoro principale è fare murales, ne ho realizzati in 36 paesi e questo sarà il quinto che faccio in Italia” (Kobra)

Gonzalo Borondo e il suo originale linguaggio

In parallelo, sempre sul Lungarno Gambacorti, la Chiesa della Spina diventa teatro dell’installazione “Non Plus Ultra”, di Gonzalo Borondo, artista spagnolo classe 1989 che dal 2007 interviene nello spazio pubblico sviluppando un linguaggio originale, in connessione con il luogo d’azione e la percezione fisica e simbolica degli spazi.
L’installazione pisana si ricollega alla spiritualità della Chiesa della Spina, innescando una riflessione esistenzialista più che religiosa.
Trentacinque lastre di vetro stampate ciascuna delle quali ospita due immagini grafico pittoriche: una colonna e una figura di spalle con le braccia distese, che rimanda all’iconografia della crocifissione.
Un labirinto trasparente di segni e simboli per riflettere sul concetto di limite, sulla sua negazione, sul bisogno sacro dell’uomo di varcare la soglia del conosciuto e della logica, di superarsi e proiettarsi all’infinito.

“La mia installazionecommenta Borondonasce al MACRO di Roma con l’intenzione di essere un’opera che, grazie al gioco di riflessi e alla trasparenza, può dialogare con diversi contesti. Non avevo mai voluto esporla all’interno di una chiesa, ma quando ho visto la Chiesa della Spina ho capito che poteva essere il luogo adatto per la sua cromia, la sua architettura. È un onore mettere il mio lavoro in relazione con questo gioiello artistico. “Non Plus Ultra” invita a entrare in una dimensione di tensione generata dalle grandi lastre di vetro che la compongono: la fragilità del materiale mette in soggezione, in contrasto con la grandezza e la forza della struttura. Mi piace promuovere nel pubblico il desiderio di andare oltre, la curiosità, e di innescare una riflessione su quanto questa tendenza sia parte di noi”.

pisa festival della strada borondo chiesa della spina
Non Plus Ultra di Gonzalo Borondo nella Chiesa della Spina

Grazie anche al contributo del Consiglio della Regione Toscana, durante il periodo del Festival della Strada molti degli artisti coinvolti nelle mostre temporanee saranno coinvolti anche nella realizzazione di nuovi murales nel quartiere di Porta a Mare, andando a cementare la nuova identità di questa area come distretto d’arte urbana e museo a cielo aperto.

Approfondimenti
Le dichiarazioni

Antonio Mazzeo, presidente del Consiglio Regionale dichiara: “Il Festival della Strada trasformerà Pisa nella capitale italiana della street art. Vorrei ringraziare l’associazione Start per aver realizzato questo importante evento a cui parteciperanno artisti di fama internazionale. La street art per il suo valore artistico e al tempo stesso per le forti ricadute sociali merita un’attenzione sempre più crescente da parte delle nostre Istituzioni, tanto che come Consiglio Regionale ci abbiamo investito molto col bando Ri-Generazione Toscana e con una legge regionale con cui abbiamo finanziato direttamente alcune opere che presto vedranno la luce anche a Pisa e Lucca. La street art ha anche la caratteristica unica di far entrare l’arte nella vita quotidiana delle persone, non serve andare al museo per ammirarla, riesce a rendere più belli i nostri quartieri ogni giorno”.

“Il progetto Start Attitude Festival della Stradacommenta l’assessore alla cultura del Comune di Pisa Filippo Bedini è un’iniziativa importante per la città perché si configura come un evento di riferimento nel settore dell’arte di strada e ha l’ambizioso obiettivo di arrivare a collocare Pisa tra le capitali europee della street art. Il progetto prevede tra l’altro un percorso di musealizzazione permanente nell’area di Porta a Mare attraverso questa forma d’arte immediata e popolare che sicuramente può arricchire quartieri e zone periferiche della nostra città. Questa occasione mi fornisce la possibilità di chiudere, dopo 5 anni di delega all’ambiente e al decoro urbano, un ragionamento che spesso è stato anche motivo di polemica finalizzato a tracciare con nettezza il confine tra la street art e ciò che street art non è. Mi riferisco alla imponente campagna di contrasto alle scritte e alle affissioni abusive che niente hanno a che fare con la creatività e la libertà espressiva, in una parola con l’arte. Il progetto prevede anche un originale allestimento alla Chiesa della Spina che è in linea con l’indirizzo che abbiamo stabilito di riservare questo gioiello cittadino a mostre e installazioni che abbiano a che fare con la sacralità del luogo. Vanno in questa direzione di stimolo per una riflessione di carattere spirituale le opere che costituiscono il lavoro chiamato “Non Plus Ultra” di Gonzalo Borondo. Per concludere, viva la street art e abbasso il degrado!”.

Aggiunge Cosimo Bracci Torsi, presidente della Fondazione Palazzo Blu: “È interessante come l’opera di Eduardo Kobra si integra con la mostra sulle avanguardie attualmente in corso. Guardandoci intorno possiamo vedere ritratti di molti dei protagonisti della pittura del 900, oltre alla reinterpretazione di alcune tra le loro opere più celebri. C’è la Gioconda di Duchamp, e poi ci sono Picasso, Chagall, Dalì e Mondrian, quest’ultimo esposto proprio in questi giorni a Palazzo Blu. Una bellissima integrazione per “Le Avanguardie”, e un modo di promuovere l’arte urbana, sempre più presente all’interno delle istituzioni culturali e sempre più importante”.

“Con il Festival della Stradadichiara il curatore Gian Guido Grassiportiamo avanti un percorso iniziato nel 2017 con i primi muri nel quartiere di Porta a Mare, avviando la rigenerazione di un’area ricca di storia della città, una zona fortemente tradizionale, il volto marinaresco di Pisa. Siamo felici di aiutare a rinascere questa parte della città attraverso una forma d’arte in grado di rafforzare e valorizzare l’identità della collettività. La bellezza di questi murales è indice di un’arte che si è saputa affermare e che è degna di stare nei musei più prestigiosi del mondo. Siamo orgogliosi di avere con noi un parterre di artisti di primo piano a livello mondiale”.

pisa festival della strada conferenza stampa
Festival della Strada: la conferenza stampa a Palazzo Blu

Approfondimenti
Cosa è stART

L’associazione stART – Open your eyes è nata nel giugno 2017 e coinvolge un team di giovani creativi under 35 con competenze complementari: fotografo, videomaker, ufficio stampa e social media marketing, assistenti.
Ha all’attivo importanti rassegne internazionali, festival, mostre e pubblicazioni.
Il curatore è Gian Guido Maria Grassi, nato a Lucca nel 1988.

Approfondimenti
Chi è Gian Guido Grassi

Gian Guido Grassi (classe 1988) è un curatore di arte contemporanea.
Eredita questa passione in famiglia e nel 2017 fonda stART – Open your eyes con cui realizza progetti artistici, specializzandosi in street art e rigenerazione urbana.
Dirige festival, cura e organizza mostre in spazi istituzionali e privati, scrive articoli, pubblica volumi e collabora con e artisti italiani e stranieri come il russo Alexey Morosov e l’uruguaiano Pablo Atchugarry.
Tra le mostre più importanti: Attitude /Graffiti Writing, Street art, Neo muralismo presso Palazzo Blu di Pisa, Pablo Atchugarry / Il risveglio della natura esposizione diffusa nel centro storico di Lucca.

pisa festival della strada kobra foto di antonio tartarini
Kobra all’opera (Foto di Antonio Tartarini)

Palazzo Blu
Orario di apertura:

da lunedì a venerdì ore 10 – 19 (ultimo ingresso ore 18);
sabato, domenica e festivi ore 10 – 20 (ultimo ingresso ore 19)
Biglietti:
intero 5 euro; ridotto 3 euro
Per informazioni: palazzoblu.it

pisa festival della strada Kobra-Mural Disney_Walt Disney World Photos
Kobra, Mural Disney, Walt Disney World Photos
call to action no fake intervista

*La mia priorità è scrivere la Verità*
Per farlo ho bisogno anche del tuo aiuto!

Come puoi vedere, qui non ci sono box pubblicitari e non ti compaiono finestre indesiderate all’improvviso che ti vogliono vendere robe.
Per stare lontana da questa autentica spazzatura, adotto altre tecniche più moderne e soprattutto molto meno invasive.
*Cosa puoi fare per me?*
• condividere questo articolo sui tuoi canali social
• inoltrare il link ai tuoi contatti whatsapp
• lasciare un commento in fondo all’articolo stesso.
Grazie per quello che farai!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi