notizie

Narratori Erranti: rassegna itinerante di Teatro di Narrazione

Fino al 14 aprile 2023
Carrara, Livorno, Querceta, Castelnuovo d’Elsa, Molina di Quosa

5 attori toscani, 5 spettacoli, 5 città per la prima edizione di “Narratori Erranti”, rassegna itinerante di teatro di narrazione che fino a venerdì 14 aprile in 17 appuntamenti racconta storie vere della propria terra

L’idea nasce dall’incontro di Elisabetta Salvatori, Fabrizio Brandi, Marco Azzurrini, Anna Meacci, Luca Barsottelli: 5 attori toscani di quel teatro che viene definito “di narrazione”, autori dei propri spettacoli, che raccontano storie legate alla propria terra.

“Il teatro dopo la pandemia ha fatto emergere nuove esigenze in relazione al pubblico e al nostro lavoro – raccontano gli organizzatori – così come un chiaro e forte desiderio di recuperare il valore dell’aggregazione e del contatto umano”.

La rassegna ha l’intento di rafforzare la tradizione del racconto orale come patrimonio e recupero dell’identità, della memoria individuale e collettiva, coinvolgendo anche narratori provenienti da altre regioni: Mila Boeri da Milano e Ariele Vincenti da Roma.

Simbolo di questo linguaggio teatrale e della rassegna, la sedia, oggetto che caratterizza da secoli le antiche veglie che si tenevano spontanee nei luoghi, dette appunto in Toscana, “a seggiola”.
I narratori con la loro sedia sono erranti, con l’urgenza di far viaggiare storie e memorie, da un territorio all’altro.

“Narratori Erranti” viaggerà in Circoli, Associazioni Culturali e in altre piccole realtà già ricche di storie proprie, un circuito di spazi sul territorio toscano, regione pilota di questo progetto.

Questa prima edizione metterà in relazione 5 province della Toscana (Firenze, Lucca, Pisa, Livorno e Carrara) in 5 territori diversi (Querceta, Castelnuovo d’Elsa, Molina di Quosa, Carrara, Livorno).

Gli spettacoli:
La Bella di Nulla e Vita di Antonio Ligabue di Elisabetta Salvatori; Una Questione di Geometrie e Blocco 3 di Fabrizio Brandi; La Tovaglia di Trilussa di Ariele Vincenti; Meacci racconta Meucci di Anna Meacci; Filippo Vostro di Luca Barsottelli; Pisa ’68 di Marco Azzurrini; Alta Velocità di Mila Boeri.

In collaborazione con: La Fioreria delle Storie – Querceta, Lucca; Spazio Alberica – Carrara; Circolo Arci Colline – Livorno; Corte degli Accorti – Castelnuovo d’Elsa, Firenze; Molina Mon Amour – Molina di Quosa, Pisa.

Un ringraziamento alle sezioni soci Unicoop Tirreno di Livorno, Versilia, Carrara per aver sostenuto questo progetto.

narratori erranti locandina ok
cinzia donati chi sono giornalista e blogger con calma

La Rassegna

sabato 4 febbraio ore 21
Associazione Molina Mon Amour – Pisa
Elisabetta Salvatori
La Bella di Nulla

domenica 5 febbraio ore 18
La Corte degli Accorti Castelnuovo d’Elsa – Firenze
Fabrizio Brandi
Una questione di geometrie

fabrizio brandi
Fabrizio Brandi

venerdì 17 febbraio ore 19
Circolo arci Colline – Livorno
Ariele Vincenti
La tovaglia di Trilussa

sabato 18 febbraio ore 19
Fioreria delle Storie – Querceta – Lucca
Ariele Vincenti
La tovaglia di Trilussa

domenica 19 febbraio ore 18
La Corte degli Accorti – Castelnuovo d’Elsa – Firenze
Ariele Vincenti
La tovaglia di Trilussa

sabato 25 febbraio ore 19
Fioreria delle Storie – Querceta – Lucca
Anna Meacci
Meacci racconta Meucci

anna meacci
Anna Meacci

domenica 26 febbraio ore 18
Spazio Alberica Circolo arci – Carrara
Luca Barsottelli
Filippo Vostro

venerdì 3 marzo ore 21
Spazio Alberica Circolo arci – Carrara
Anna Meacci
Meacci racconta Meucci

sabato 4 marzo ore 21
Associazione Molina Mon Amour – Pisa
Luca Barsottelli
Filippo Vostro

domenica 5 marzo ore 19
Fioreria delle Storie – Querceta – Lucca
Marco Azzurrini
Pisa 68

marco azzurrini
Marco Azzurrini

venerdì 10 marzo ore 19
Circolo arci Colline – Livorno
Mila Boeri
Alta velocità

sabato 11 marzo ore 19
Fioreria delle Storie – Querceta – Lucca
Mila Boeri
Alta velocità

domenica 12 marzo ore 18
Spazio Alberica Circolo arci – Carrara
Mila Boeri
Alta velocità

domenica 19 marzo ore 18
La Corte degli Accorti Castelnuovo d’Elsa – Firenze
Luca Barsottelli
Filippo Vostro

luca barsottelli
Luca Barsottelli

sabato 1 aprile ore 21
Associazione Molina Mon Amour – Pisa
Fabrizio Brandi
Blocco 3

domenica 2 aprile ore 18
Spazio Alberica Circolo arci – Carrara
Elisabetta Salvatori
Vita di Antonio Ligabue

elisabetta salvatori
Elisabetta Salvatori

venerdì 14 aprile ore 19
Circolo arci Colline – Livorno
Marco Azzurrini
Pisa 68

call to action no fake intervista

Gli spettacoli

LA BELLA DI NULLA
di e con Elisabetta Salvatori
al violino Matteo Ceramelli

Il racconto della vita di Giuseppina Silvestri, nata in Versilia nel 1881; una donna con capacità comunicative sorprendenti che è rimasta indelebile nella memoria di chi l’ha conosciuta. Vero e proprio ‘personaggio’ per la sua epoca e ancora oggi figura modernissima: giovane vedova, rimasta sola con due figli, coi pochi soldi che aveva comprò un revolver per difendersi e un grammofono per ascoltare la musica. Per mantenersi la sera raccontava storie, facendo della sua casa un teatro, la gente andava da lei per sentirla improvvisare racconti diversi a seconda del tema richiesto dal pubblico. La Bella di Nulla è la bisnonna paterna dell’autrice.

VITA DI ANTONIO LIGABUE
di e con Elisabetta Salvatori

Raccontare di Ligabue non significa solo raccontare di un artista folle, del suo rapporto con le due madri, quella naturale e quella adottiva, della sua solitudine, del suo soffrire la mancanza di una patria, del suo grande talento di pittore, ma diventa anche occasione per ricordare l’Italia e la Svizzera degli emigranti agli inizi del secolo scorso, le due guerre, la bassa Reggiana, il Po. Mentre si affermano le avanguardie artistiche e l’astrattismo, Antonio dipinge le sue storie di tigri e pollai, sempre fiero della sua arte.

PISA 68
Un maggio lungo un anno
di e con Marco Azzurrini
voce e chitarra acustica Alessandro Cei
collaborazione artistica Angelo Cacelli

Il 1968 si concluse a Pisa con i tragici fatti della Bussola, che avvennero proprio il 31 dicembre. Ma cosa era successo in città quell’anno, perché più di 500 persone avevano deciso di contestare i “benestanti” che si erano recati in Versilia per il veglione? E gli altri, quelli che erano rimasti a casa, cosa ne pensavano? Loro l’anno come lo avevano passato? In città cosa era successo in quel periodo di cambiamenti epocali, ma anche di normali accadimenti di una piccola città di provincia? Attraverso i racconti dei protagonisti di allora e i giornali dell’epoca, si cerca di dare alcune risposte e raccontare il ‘68 che anche a Pisa fu “formidabile”.

FILIPPO VOSTRO
di e con Luca Barsottelli
produzione La Bottega del Teatro
consulenza drammaturgica Francesco Niccolini

È uno spettacolo di narrazione per un attore solo, in cui le voci di quattro personaggi si intrecciano per dar vita alla storia. La narrazione procede da uno spaccato familiare dell’autore Luca Barsottelli: “Quando ero bambino, mia nonna mi raccontavano la storia di Filippo. Filippo era suo fratello, mio zio, ed era sparito 33 anni prima che nascessi; infatti nell’estate del 1942 venne mandato a combattere in Russia insieme ad altri 60mila alpini. Aveva 21 anni. E non tornò più. Di lui non si ritrovò neppure il corpo. Attraverso le lettere scritte dal fronte e le testimonianze di tre familiari, lo spettacolo ricostruisce e intreccia il dramma intimo di una famiglia contadina nella Toscana ai tempi della guerra e la narrazione di una pagina drammatica nella storia mondiale, che ha coinvolto il corpo nazionale degli alpini: la campagna di Russia.

UNA QUESTIONE DI GEOMETRIE
di e con Fabrizio Brandi
in collaborazione con Enrico Pompeo

Prodotto dall’Associazione Nesi-Corea, con il sostegno del Comune di Livorno. Questa è una storia di periferia, di un quartiere costruito con le macerie della guerra su un triangolo di terra, tra la raffineria petrolifera, la via Aurelia e il cimitero. Il quartiere Corea di Livorno, una delle tante Coree esistenti in Italia. Costruito senza una vera e propria identità, se non quella di una comunità e dei suoi personaggi che lo hanno attraversato dal dopoguerra a oggi, dai suoi abitanti a Don Alfredo Nesi, compagno di banco di Don Milani, che nel quartiere fonda il Villaggio Scolastico cercando di tracciare per sempre nuove geometrie esistenziali. Un lavoro realizzato con le interviste fatte agli abitanti del quartiere Corea e ai protagonisti dell’esperienza sperimentale educativa, nata con il Villaggio Scolastico di Don Nesi.

BLOCCO 3
di Fabrizio Brandi e Francesco Niccolini
con Fabrizio Brandi
regia Fabrizio Brandi, Francesco Niccolini, Roberto Aldorasi

C’era una volta Mario Nesi, anni undici, nato al Blocco 3, nel popolare rione della Guglia di Livorno fra gli anni ’70 e ‘80. Il Blocco 3 è l’edificio che lo vede crescere, all’ombra del suo cortile e di una affollata e picaresca umanità, fra compagni di giochi esuberanti e vicini di casa molto vicini. Mario, sotto l’ala protettiva del padre un tipico comunista d’acciaio di quei tempi, sviluppa i primi germi di ribellione umoristica e autocoscienza. La voglia di crescere ed emanciparsi, non tarderà a portare le prime trasgressioni e le prime esperienze amorose. L’ironia di Mario forgia il suo personaggio in un ritmo allegro ma non troppo. La narrazione tratteggia con disinvoltura uno spaccato caleidoscopico della profonda umanità che vi si affolla e affianca Mario nel suo mestiere di crescere e di vivere.

MEACCI RACCONTA MEUCCI
di e con Anna Meacci

La vita avventurosa, la lotta per i propri diritti e il duro cammino dell’uomo che per primo ebbe l’idea del telefono, sullo sfondo della Firenze primo Ottocento, di Cuba Coloniale e dell’America dei pionieri. Dal Teatro della Pergola a Firenze al Teatro Tacon dell’Avana fino alla piccola fabbrica di candele a N.Y., la biografia di Antonio Meucci nato in Borgo San Frediano a Firenze nel 1808 e costretto a fuggire oltre oceano per motivi politici. Le sue invenzioni, i suoi sogni e le sue sfortune. E infine l’amore indiscusso per la moglie Ester che mai riuscì a capirlo completamente.

LA TOVAGLIA DI TRILUSSA
di Ariele Vincenti e Manfredi Rutelli
con Ariele Vincenti
musiche maestro Pino Cangialosi
supervisione artistica Nicola Pistoia

“È uno spettacolo popolare, emozionante e divertente in cui – spiega Vincenti – attraverso le parole e aneddoti pubblici e privati del “Poeta di Roma”, racconto una romanità in via d’estinzione. All’apice del suo successo, tutte le donne di Roma lo corteggiavano e file di curiosi gravitavano giorno e notte sotto la sua casa. In vecchiaia purtroppo ebbe problemi economici, ma non rinunciò alle amate cene in osteria. La cosa che mi ha colpito è che quando arrivava il conto, Trilussa scriveva due versi sulla tovaglia di carta mezza unta, la strappava, la dava all’oste e la cena era pagata. Durante le ricerche mi sono reso conto della grande attualità dei suoi scritti che toccano, con metafore sarcastiche, quegli aspetti sociali della politica e del potere che nella Storia sempre si ripetono uguali a se stessi”.

ALTA VELOCITÀ
di e con Mila Boeri
consulenza drammaturgica Francesco Niccolini

Un racconto condotto per frammenti che intreccia elementi autobiografici con la costruzione dell’opera pubblica più grande e onerosa della storia della nostra repubblica, la linea ferroviaria ad alta velocità. Un viaggio che parte dal treno per arrivare a interrogarsi su come usiamo il nostro tempo, i soldi, il territorio, su come ci immaginiamo il futuro e quanto ne vorremmo essere artefici.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi