notizieversilia

Successo per la prima nazionale di “ORA I limiti del pianeta” di Imaginarium

Un viaggio surreale per toccare il cuore del problema, andato in scena venerdì 12 aprile 2024 al Teatro Sociale di Como

Musica e immagini hanno incantato un teatro pieno di curiosi e interessati al tema dei limiti del pianeta. Molti i formatori. Così ci si cala dentro al tema dei cambiamenti climatici.

“ORA I limiti del pianeta”, dello studio versiliese Imaginarium, ha toccato i cuori del grande pubblico del Teatro Sociale di Como per la prima nazionale, venerdì 12 aprile 2024.

ORA I limiti del pianeta di IMAGINARIUM Teatro sociale di Como 12 aprile 2024

Pieno, il teatro, di persone curiose di conoscere e calarsi dentro questo spettacolo che unisce le immagini alla musica dal vivo e synt, eseguita da Davide Giannoni alla console insieme al pianista Giorgio Martano, ospite speciale della data al Teatro Sociale di Como, che ha selezionato brani di Respighi, Puccini, Verdi, Rota, Castelnuovo-Tedesco, per interagire con le composizioni di Giannoni e i suoni, dando maggiore forza al racconto.

Al termine dello spettacolo in molti si sono fermati a parlare con gli artisti.

Diversi i formatori, interessati a nuove modalità di trattazione di temi così ampi, profondi e complessi, oltre che vitali, ai giovani.

“Abbiamo avuto una reazione, non scontata, di interesse e coinvolgimento – spiega Francesca Pasquinucci di Imaginarium – Conosciamo bene la potenza narrativa di questo linguaggio, ma il fatto di applicarlo a tematiche scientifiche può intimidire. Invece, “ORA I limiti del pianeta” ha registrato un teatro pieno di persone che hanno amato perdersi nell’estetica onirica e surreale dello spettacolo”.

Dopo il debutto in Spagna, il nuovo progetto performativo di Imaginarium (Francesca Pasquinucci e Davide Giannoni) che firma storytelling, disegni, animazioni, regia e composizioni musicali originali, ha riscosso un grande successo di pubblico e addetti ai lavori.

ORA I limiti del pianeta di IMAGINARIUM Teatro sociale di Como 12 aprile 2024
cinzia donati chi sono giornalista e blogger con calma

Arte e scienza si incontrano in questo racconto per videomapping e musica, su quelli che gli studiosi definiscono “limiti planetari”, ovvero quelle soglie che l’umanità non dovrebbe superare per evitare che la Terra collassi.
Nove processi ambientali fondamentali, con cui il pianeta si autoregola.

Uno spettacolo che si è inserito nella Stagione Notte 2023-24 Gleam-X dedicata allo spazio.
Un progetto realizzato con il supporto e i contributi scientifici di ESA Ente Spaziale Europeo, ASI Agenzia Spaziale Italiana, EGO European Gravitational Observatory e INGV Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, enti e istituti che hanno messo a disposizione dello Studio incredibili “suoni” dallo spazio e dal sottosuolo.
Fondamentali, infatti, sono stati gli scambi e gli incontri con fisici, climatologi ed esperti di spazio, che hanno permesso a Imaginarium di costruire una narrazione poetica, intrisa di arte surreale, sulla base di solidi concetti scientifici.

Dopo il successo internazionale del primo spettacolo tra arte e scienza, 4 ELEMENTS, Imaginarium torna così in scena con questa nuova produzione che approfondisce ancora di più il rapporto tra uomo e ambiente.

Qui il link a un estratto della performance “ORA I limiti del pianeta”: https://www.youtube.com/watch?v=J5GqoouGkXY

ORA I limiti del pianeta di IMAGINARIUM Teatro sociale di Como 12 aprile 2024

Qui la mia intervista a Francesca Pasquinucci e Davide Giannoni: la creatività in coppia!

call to action no fake usare i social

*La mia priorità è scrivere la Verità*
Per farlo ho bisogno anche del tuo aiuto!

Come puoi vedere, qui non ci sono box pubblicitari e non ti compaiono finestre indesiderate all’improvviso che ti vogliono vendere robe.
Per stare lontana da questa autentica spazzatura, adotto altre tecniche più moderne e soprattutto molto meno invasive.
*Cosa puoi fare per me?*
• condividere questo articolo sui tuoi canali social
• inoltrare il link ai tuoi contatti whatsapp
• lasciare un commento in fondo all’articolo stesso.
Grazie per quello che farai!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi